Art. 43 Testo unico del commercio

Art.43

(Caratteristiche generali delle aree pubbliche destinate al commercio di prodotti alimentari)

1. I posteggi situati nei mercati e nelle aree mercatali e i posteggi istituiti fuori mercato che
effettuano, in un determinato arco di tempo e anche non quotidianamente, il commercio di prodotti
alimentari, devono possedere caratteristiche idonee a garantire il mantenimento delle condizioni
igieniche.
2. L’esercizio dell’attività di cui al comma 1, è subordinato al rispetto della vigente
normativa in materia igienico-sanitaria e di sicurezza alimentare.
3. Le aree pubbliche destinate ai mercati in sede propria dove si svolge, quotidianamente,
il commercio dei prodotti alimentari oltre al rispetto della normativa in materia igienico-sanitaria e
di sicurezza alimentare devono essere:
a) appositamente delimitate o recintate, ove non lo impediscano vincoli di tipo architettonico,
storico, artistico e ambientale;
b) dotate di una propria rete fognaria, con esito finale idoneo secondo la normativa vigente,
in grado di assicurare anche lo smaltimento dei servizi igienici generali del mercato
nonché dei posteggi che ne abbiano la necessità;
c) dotate di reti per allacciare ciascun posteggio all’acqua potabile, allo scarico delle acque
reflue attraverso un chiusino sifonato, anche nella fognatura prescritta alla lettera b), e
all’energia elettrica; tali reti devono prevedere apparecchiature di allaccio indipendenti
nella superficie di ciascun posteggio;
d) dotate di contenitori di rifiuti solidi urbani, muniti di coperchio, in numero sufficiente alle
esigenze, opportunamente dislocati nell’area e facilmente accessibili in particolare dai
posteggi.
4. Se nelle aree di cui al comma 3, i posteggi destinati alla vendita e alla somministrazione dei
prodotti alimentari sono riuniti in uno o più spazi destinati esclusivamente a essi, le prescrizioni di
cui al medesimo comma, sono vincolanti soltanto per tali spazi.
5. Negli spazi di cui al comma 4, il comune può individuare, delimitare e concedere
superfici comuni attrezzate al fine di consentire il consumo sul posto di alimenti e bevande,
compresa la loro somministrazione, ad eccezione del servizio assistito.
6. Nei mercati in sede propria i comuni possono favorire, anche mediante misure di
incentivazione, lo sviluppo di sistemi per il risparmio energetico, ovvero per la produzione di
energie da fonti alternative ed ecocompatibili.
7. Il titolo autorizzatorio per l’esercizio del commercio su aree pubbliche dei prodotti
alimentari è idoneo anche per la somministrazione di alimenti e bevande su aree pubbliche, nel
rispetto delle norme igienico sanitarie, anche ai fini della manipolazione e cottura degli alimenti, ad
eccezione del servizio assistito