La Vecchia Pescheria di Rimini

La Vecchia Pescheria di Rimini è un luogo importante per la città, è uno di quei luoghi in cui il cittadino si sente a casa.
La pescheria è stata fondamentale per la città per quasi duecento anni: dalla metà del Settecento alla fine degli anni ’60 del secolo scorso.
I bancali della pescheria hanno assistito alle guerre da Napoleone all’Unità d’Italia, fino ai bombardamenti del secondo conflitto mondiale. La cittadinanza aveva un baluardo in un punto vendita semplice, non povero, per il loro bisogno giornaliero. I riminesi non hanno dimenticato la presenza costante della Pescheria, tanto da preferire al termine della seconda guerra mondiale di iniziare la ricostruzione da questo edificio tralasciando le chiese ed il teatro.
La dismissione da punto vendita non è stato il momento della chiusura della Pescheria, anzi la struttura dal 1969 si è aperta a tutta la cittadinanza.
Negli ultimi tempi la Pescheria sta ritornando alla sua vecchia funzione: in inverno i bancali si animano con presepi e Babbi Natale, in primavera la pietra d’Istria sboccia con il mercato dei fiori.
La Vecchia Pescheria non è solo pietra e mattoni. La Vecchia Pescheria è uno dei cuori di Rimini che ha una storia da raccontare, più di due secoli di mercato, di ricordi, di vita.

 

A cura di: Giulia Belleffi, Elena Ciccanti, Enrico Pomo, Matteo Tacchia

 

 

Continua la lettura: