Perchè?

La scelta del luogo:

Mercato Albinelli di Modena

Inizialmente furono le città a sorgere in prossimità dei mercati.

Dopo essere stati punti di scambio di prodotti indispensabili divennero i centri della vita stessa: sia per manifestazioni religiose, civili, legislative e giudiziarie.

Poi in un certo momento, nelle città, si iniziò ad avere la necessità di strutture dove collocare i mercati per motivi di igiene, conservazione e protezione delle merci, dei compratori e dei venditori.

La parola d’ordine per la realizzazione di queste strutture era quella di rispettare il più possibile le necessità della popolazione.
I mercati coperti, quando nacquero, arricchirono l’aspetto architettonico dei centri storici e sostituirono il deturpamento di molti mercati a cielo aperto. Dirigendo e accentrando il movimento delle derrate in strada.

Nelle città con un maggior numero di abitanti sorsero numerosi mercati affinché ogni quartiere godesse equivalentemente delle comodità e dei vantaggi di essi non perderono, ovviamente, una stretta comunicazione tra loro. Per garantire una maggiore comodità non si supera la distanza massima di 2km tra il mercato e le abitazioni.

Riassumendo, quando si trattò di scegliere il luogo dove far sorgere un cosiddetto mercato coperto si tennero in considerazione:
• piano generale della città
• sistema della città in relazione alla distribuzione degli abitanti
• esigenze della loro alimentazione
• vie di comunicazione
• provenienza dei prodotti agricoli

La localizzazione è differente in base alla tipologia di mercato:
Per istallazioni di mercati al minuto si localizzano strutture in pieno centro storico per usufruirne più facilmente; con ingresso dalla strada e facilmente raggiungibile.
Le strutture ospitanti, per essere utilizzate al meglio e con facilità non dovevano essere architettonicamente eccentriche. Bisognava considerare anche il tipo di quartiere in cui il mercato veniva ubicato per scegliere, anche, il tipo di merce da mettere in vendita.
Per quanto riguarda i mercati all’ingrosso non è necessaria la centralità anzi si prediligono zone periferiche vicino a vie di comunicazione.

 

Mercato Albinelli di Modena fonte: www.visitmodena.it