La vita del Mercato delle Erbe di Ancona

Prodotti commercializzati

All’interno del mercato coperto vengono commercializzati i seguenti prodotti: alimentari, gastronomici, pane, carne, pollame, salumi, stoccafisso, vini, formaggi, latte, latticini, ortofrutticoli, fiori, drogherie, pesce fresco. Inoltre, al piano terra troviamo attività di bar e un supermercato.

Attività

Il Mercato delle Erbe, in occasione della mostra fotografica “Marche, inside the beauty”, si è trasformato in una galleria. È stato possibile osservare l’esposizione di Dirk Vogel gratuitamente dal dicembre 2017 al gennaio 2018. Gli scatti rappresentano una narrazione per immagini delle Marche più segrete e nascoste e trasmettono il lato più autentico della regione. L’obiettivo della mostra è stato quello di promuovere la regione attraverso un nuovo strumento di promozione territoriale. Gli oltre 150 scatti sono stati raccolti nell’omonima pubblicazione. Il Comune di Ancona ha scelto il mercato come luogo di esposizione per anticipare il recupero anche con usi culturali del contenitore liberty.

“Marche, inside the beauty”: gli scatti di Dirk Vogel al mercato delle erbe di Ancona (Video)

Mostra fotografica “Marche inside the beauty”, Mercato delle Erbe Ancona (1)
Mostra fotografica “Marche inside the beauty”, Mercato delle Erbe, Ancona (2)
Mostra fotografica “Marche inside the beauty”, Mercato delle Erbe, Ancona (3)

 

Negli ultimi anni nella struttura si organizzano eventi legati al cibo e alla tradizione marchigiana.  Ad ottobre 2018 si è svolto “In bocca al luppolo“, festival di birre artigianali ed agricole, in cui produttori e sommelier hanno mostrato e fatto degustare i migliori prodotti in circolazione.

Locandina In bocca al luppolo

 

Sempre ad ottobre 2018, il Mercato delle Erbe ha ospitato la 17esima edizione della “Mostra regionale di micologia, botanica ed erbe officinali”. L’evento si è svolto intorno al tema: “I funghi e i prodotti naturali delle Marche nell’alimentazione”. L’obiettivo è stato quello di valorizzare la produzione marchigiana attraverso l’esposizione di vari esemplari di funghi, piante ed erbe officinali; dibattiti; conferenze e proiezioni di audiovisivi.

 

Aneddoti narrativi, Poesie

– A PIAZA DE L’ÈRBE (parla ‘na sampietròla)

(parla ‘na sampietròla) (1968)

«E ‘na madosca! E invece d’andà’ avanti

a qui  se va a l’indietru, si permete…

O! ma ve sê smatiti tuti quanti?

un cepu d’usmarì’ e ‘n tanti’ d’erbete

docentu lire; quatr’òvi, ‘n’altre centu;

nun parlâmu de fruti e de bragiòle,

robe da capistornu o svienimentu…

Chi so’? Angelini?   o! ciò i beni al zole?

Inte ‘st’ltaglia zzepa de farfale,

cui prezi che te sbreghene i genòchi,

cul burscelì’  che pare ‘n funerale,

nun ze beca più gnente a quatru bôchi!

Tricule? cuntadine? è tal’e quale!

Je cavarla cu’ ‘n detu tuti j ochi!!!»

(1968)

[Mario Panzini, A Tòrzo pr’Ancona (sonette inediti in vernacolo anconitano,1950-1975), Edizioni Giovagnoli, Ancona, p. 46]

 

 

– “El mercato de l’erbe se teneva a corzo Mazini, a l’aperto, cu le tricole, le cuntadine, i pujaroli e i pesciaroli mischiati; la gente girava tra i carioli, guardava, cuntratava, tucava!”.

“El pesce se magnava, vuria a vede!… Na cità de mare!… Ma ancora qula volta nun era pe tutte le sacoce e alora giù de… saraghina, folpi, sepie, guati… de tuto quelo, insoma, che costava pogo! Dò rosciolini piculini, che se cocevane c’un pumidoro, facevane el sciugheto ancora pe cundì la pasta.

E poi c’era, e erane tanti, chi s’arangiava cu la cana giù p’i moli, in mezo a i scoj al Paseto o cu ‘na batanina in società c’un paro d’amichi, pe rimediò la cena e, s’andava bè, anche i soldi pr’un bichiere de vi e quatro sigarete Popolari’ che se vendevane pure sciolte. A magna, legero, la salute ce guadamiava, cusci dicevane!… Nun ciavemi el ‘polistirolo’ intel zangue: ‘Mama, intel brodo c’è ‘na stela!…  Ziti fioli!… A chi toca, toca!”.

– Davanti all’ingresso della Piaza de l’erbe c’era spesso ”Maria de le paste” attrezzata col suo banchettino. Maria Picchini, madre di Valentino, detto “Fifo o Bafo”, anche lui ambulante, ha venduto dolci di tutte le pasticcerie ma anche altri generi; per quarantanni è stata davanti alla “Cantina de mazzamariti”, in Via Oberdan, con la gratigola de le spuntature o la pigna.

“De fronte al pasagio p’entrà a piaza de l’erbe, c’era la cantina de Marino Peloni che pè bocàce bisognava scende qualche scalì. Marino teneva le botti in fila a muro de quà e de là de locale; quando rivavane le botti de vì piene doveva fasse aiutà dai pompieri pè fale calà drento a la cantina! Ciandava tanta gente ma, specialmente la matina, queli che bazigavane a piaza de l’erbe ciandavane a fà colaziò: ‘na sardela, che se sbateva un tantinì ‘nte l’orlo del tavulì pè sgrulà un pò de sale, mesa in mezo a dò bele fete de pà e un bichiereto (magari dò!) de vi, bono cume quelo che ciaveva sempre Marino”. I bongustai aggiungevano una cipolla cruda a fette!

[Giorgio Occhiodoro, Ancona Ieri… Un Occhiodoro sulla vecchia Ancona, Volume II, p. 138 e p. 132]

 

pagina precedente_pagina successiva