Chi: progettisti del Mercato delle Vettovaglie

Architetto

Nel 1889-1890 hanno inizio i lavori del Mercato delle Vettovaglie ad opera di Angiolo Badaloni, direttore dell’Ufficio Tecnico municipale, incaricato di redigere e dirigere i lavori nel dicembre dello stesso anno. Badaloni, all’epoca, è una figura di rilievo nel contesto cittadino.  Egli, infatti, opera anche su altri edifici pubblici tra cui l’Accademia Navale e le scuole Antonio Benci e Giuseppe Micheli.

Il sistema costruttivo della copertura del Mercato delle Vettovaglie è realizzato dalle Officine dei F.lli Gambaro. La Fonderia è fondata nel 1858 da quattro fratelli liguri che iniziano la loro attività a Livorno: Giuseppe, Giovacchino, Pietro e Luigi.
Emilio Spagnoli ottiene l’affidamento della direzione tecnica dell’operazione.

Fotografia di due dei Fratelli Gambaro.

Scultore

Lorenzo Gori, scultore livornese, studia presso l’ Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1860. Nel 1867 apre uno studio personale nella città dove era solito recarsi: al Caffè Michelangiolo, celebre ritrovo dei Macchiaioli.
Durante la sua vita riceve numerose commissioni pubbliche e private tra cui le cariatidi del Mercato Centrale di Livorno (1893). È stato uno dei membri della commissione del Museo civico della città e Ispettore dei Monumenti per gli scavi di antichità della provincia.

pagina precedentepagina successiva